Fasano e il suo ambiente

Italia luogo per eccellenza della biodiversità e europea con 110 diversi ambienti presenti sui 149 censiti nel Vecchi continente; di questi quasi la metà è presente in Puglia.

 


Questo uno dei dati sorprendenti  emersi dalla conversazione che il prof. Gianfranco Ciola ha tenuto nei giorni scorsi presso il parco della Casina Municipale sul tema: “Aspetti naturalistici del territorio di Fasano dalla selva alla marina”.
Il prof. Ciola, direttore del parco regionale delle Dune costiere tra Torre Canne e Torre san Leonardo, nei territori di Fasano e Ostuni, anima ed ideatore del parco, con l’ausilio di immagini ha parlato di ambiente, di sua tutela, di valorizzazione e di sviluppo ecosostenibile ed ecocompatibile.


Il discorso è divenuto particolarmente interessante  quando si è concentrato sulle peculiarità del territorio di Fasano che spazia dalla collina al mare racchiudendo lame, gravine, boschi di macchia mediterranea e ulivi secolari nella pianura, un ambiente costiero e dunale di estremo interesse  ove si sviluppa una flora ed una fauna di grande interesse ecologico ed ambientale con le risorgive i laghetti costieri e l’habitat retrodunale.


Propria del territorio fasanese è l’orchidea spontanea Seraphia che fiorisce solo in questa zona e le maestose querce da sughero presenti vicino a Montalbano, ultime superstiti di una vegetazione antica e lussureggiante che caratterizzava l’ambiente prima della sua antropizzazione.


Quali le peculiarità del parco, il suo impegno per la conoscenza delle tipicità ambientali e delle attività e coltivazioni tradizionali tra le masserie e i territori del parco, le strategie per valorizzarle e conservarle, le implicazioni economiche e il possibile sviluppo per favorire l’interesse e il turismo naturalistico, gli altri tempi trattati o sfiorati nella interessante conversazione inserita nel programma della 42^ Mostra dell’Artigianato fasanese che avrà un seguito anche sul “campo”, quando a settembre il prof. Ciola guiderà i socie della Pro selva e tutti coloro che lo vorranno in una passeggiata alla scoperta delle peculiarità del parco delle dune costiere.

 

Le foto della serata sono visionabili a questo indirizzo: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.265579650225604.60522.100003207128886&type=1&l=98dfeac561