Calndarietto 2013 della Pro Selva

E' stato presentato il 3 gennaio 2013 nella sala di rappresentanza del Comune, il calendarietto 2013 della Pro Selva, dedicato quest'anno ai fiori, ‹‹connubio perfetto tra bellezza e donna›› - ha dichiarato la presidente del sodalizio Rosanna Lozupone. Hanno relazionato, assieme alla presidente, l'assessore Laura De Mola, il professor Giovanni Sardella (autore delle dodici schede botaniche presenti nel calendarietto) e la socia Maria De Mola.

L'assessore De Mola, in apertura, ha focalizzato l'attenzione sulla levatura dell'associazione Pro Selva che, da anni, si batte per la valorizzazione di un territorio spesso dimenticato come quello silvano, e sull'importante ruolo della donna all'interno del sodalizio. Prevale, infatti, da sempre, il sesso femminile nel direttivo, segno che la donna può e deve dare qualcosa in più per perseguire i propri obiettivi.

‹‹Quello che presentiamo stasera - ha dichiarato la Lozupone - è un progetto che va avanti da ben due anni. Tanto ci è voluto, infatti, per riuscire a reperire nelle ville silvane la varie specie di fiori che compongono il calendario, e fotografarle››. Ciascun mese si apre, quindi, con la foto di uno dei fiori tipici del territorio, seguita dalla descrizione botanica del genere. Si susseguono, così, dodici tipologie di piante di cui molte, ormai, cadute in disuso. Dopo l'introduzione di Teresa Schettini, che apre spiegando che ‹‹pensare alla Selva senza fiori è come immaginare il firmamento senza stelle›› ecco, dunque, il mese di gennaio che accoglie l'afride apulica, febbraio la bocca di leone, marzo il gelsomino, aprile la tuberosa, maggio il girasole, giugno la zinnia, luglio la dalia, agosto l'amarillide, settembre ilsettembrino, ottobre il croco d'autunno, novembre il ciclamino e dicembre la salvia rossa.

Come detto, quella presentata ieri è la 17esima edizione del calendarietto. Le precedenti, invece, hanno omaggiato altre tipicità silvane, quali “Versi e proverbi” (nel 1996), “Le erbe aromatiche” (1998), “Le chiesette rurali” (1999), “I nostri brindisi” (2000), “Personaggi tipici” (2001), “Casine e trulli” (2002), “Dimore signorili” (2003), “La Selva dipinta” (2004), “La ristorazione” (2005), “Le contrade” (2006), “I nostri alberi” (2007), “Così si giocava” (2008), “Scrittori e viaggiatori” (2009), “I Santi in collina” (2010), “Piccole storie” (2011) “Idee e progetti” (2012).

di Claudia Turchiarulo

da www.osservatoriooggi.it 


04/01/2013 alle 00:03:50