Profumo d'Oriente al Minareto

Prestigioso concerto a Villa Damaso Bianchi (il Minareto) giovedì 30 luglio alle ore 19,00

A seguire la consegna dei riconoscimenti “La Selva nel cuore” –  Visitabile anche  la mostra di opere di Nicola Fiume “la Villeggiatura delle civette”

Quando Damaso Bianchi, pittore e letterato,  realizzò nel 1912 la sua villa alla Selva di Fasano, la volle in stile ecclettico, originalissima, con architetture che rimandavano alle costruzioni orientali di cui tanto era stato colpito. Quella villa per tutti i fasanesi è sempre stata “il Minareto”, per la particolare torre che svettando  nel cielo ricorda i minareti sui quali i muezzin invitano i fedeli alla preghiera.

Questo ponte che idealmente collega la nostra terra con l’Oriente è la location nella quale l’Associazione Pro Selva ha organizzato un interessante concerto in programma per giovedì prossimo, 30 luglio alle ore 19,00, che vedrà protagonista il soprano russo Volka Shytsho, accompagnato dal pianista Seleim Moharez.

Si tratta di due giovanissimi e valenti musicisti del conservatorio Piccinni di Bari che si esibiranno una serie di arie e brani orientali, proprio in omaggio al luogo;  il coordinamento musicale è affidato alla prof.ssa Lilia di Marco, docente di pianoforte presso lo stesso conservatorio barese.

La seconda parte della serata sarà invece riservata all’assegnazione dei riconoscimenti “La Selva nel cuore”, un’iniziativa che si rinnova da qualche anno con la quale la Pro Selva intende omaggiare coloro che si sono contraddistinti  per attività svolte a favore della collina fasanese. I nominativi si conosceranno nel corso della serata.

Per l’occasione sarà possibile visitare anche la mostra “La villeggiatura delle civette”, con le opere di Nicola Fiume esposte al piano terre della storica villa.

Come di consueto la partecipazione alla  manifestazione è libera e gratuita.