Successo dell'Open Day Minareto 2016

Un successo al di là di ogni aspettativa a dimostrazione di come la struttura abbia un fascino insito da non lasciare insensibile il pubblico. L'Open Day del Minareto, iniziativa organizzata ieri (domenica 18 settembre) dalla Delegazione Fai di Brindisi e dalla associazione Pro Selva, in collaborazione con il Rotary Club di Fasano, il Lions Club Fasano Host e il Lions Club Fasano Egnazia, ha visto la partecipazione di oltre 800 persone. Accolti dal coordinatore provinciale del Fai, l'architetto Beniamino Attoma Pepe e da alcuni giovani volontari, i visitatori hanno potuto visionare l'interno della famosa dimora voluta da Damaso Bianchi. La storia di quest'ultimo è stata narrata proprio da Attoma Pepe che, da perfetto "cicerone", ha fatto poi visitare i locali sia a piano terra che al primo piano narrandone la struttura architettonica e aneddoti.

All'interno della villa di Damaso Bianchi erano esposte le fotografie scattate da Ida Chiatante e alcuni pezzi della collezione Dettagli, disegnata e prodotta da Valentina De Carolis. Il progetto, presentato per la prima volta nel 2013, vede la collaborazione delle due designer e trae ispirazione dai dettagli architettonici e decorativi di abitazioni e palazzi dal grande valore storico e artistico, tra questi il Minareto di Fasano. La giornata è stata animata dalla doppia performance di teatro danza ideata da Ida Chiatante con Vanessa Caponio Performer. Hanno presenziato alla giornata anche il sindaco di Fasano Francesco Zaccaria, il consigliere regionale Fabiano Amati e i presidenti del Lions Club Fasano Host Lucrezia Bini e del Roatry Club di Fasano Alberto Mavilio.

 E' bene ricordare che il Minareto è stato acquisito al patrimonio comunale e durante la scorsa estate non c'erano state occasioni di apertura per eventi particolari. Anche per questo era stato organizzato l'Open DaY. per dare la possibilità soprattutto a molti forestieri di poter visionare la struttura. Il coinvolgimento dei service club impegnati sul territorio fasanese testimonia la volontà da parte di tante associazioni, unite per una causa importante, di seguire con attenzione gli sviluppi che il recupero del Minareto potrà avere nei prossimi mesi. E delle possibilità di recupero ha parlato Attoma Pepe durante le visite.


Articolo tratto da www.Osservatoriooggi.it del 19.09.2016